21/08/13 Gricignano, tenta di stuprare la figlia della convivente e si da alla fuga

GRICIGNANO. Non possono che rimbombare assordanti i casi di stupro, o presunti tali, in una realtà cittadina come Gricignano di Aversa. Episodi che vanno oltre il rispetto della persona e che, fin troppo spesso, non vengono denunciati, bensì messi a tacere per il volere dell'aggressore e per la paura della vittima.

Dunque, un paese intero è stato scosso dal caso di tentato stupro consumatosi nella serata di domenica 18 agosto, quando  tornando a casa ubriaco, in assenza della convivente avrebbe tentato di violentare la figlia di quest'ultima. La ragazza avrebbe opposto resistenza chiudendosi in bagno a chiave per sfuggire dalle grinfia dell'aggressore e solo il ritorno a casa della madre l'avrebbe salvata. Dopo una colluttazione fisica con la donna, l'uomo si è dato alla fuga e sono due giorni che non fa ritorno nella sua abitazione.

 

Articoli correlati

Gricignano comune OGM Free: domenica raccolta firme del M5S per dire no alle coltivazioni OGM
Pubblicato il 17/04/2014 • leggi all'articolo
Gricignano: i lavoratori LSU chiedono incontro col sindaco Moretti e la giunta comunale
Pubblicato il 10/04/2014 • leggi all'articolo
Gricignano, Vincenzo Viglione candidato alle prossime europee
Pubblicato il 04/04/2014 • leggi all'articolo
Tragedia a Gricignano: uomo travolto e ucciso da un treno in corsa
Pubblicato il 04/04/2014 • leggi all'articolo
Gricignano, giornata mondiale dell'autismo: la piazza si colora di azzurro
Pubblicato il 02/04/2014 • leggi all'articolo
Corpora sontuosa, 3 a 1 corsaro nel derby salvezza
Pubblicato il 01/04/2014 • leggi all'articolo
Buon Primo Aprile!
Pubblicato il 01/04/2014 • leggi all'articolo
ESCLUSIVA - Gricignano, Moretti non è più il sindaco
Pubblicato il 01/04/2014 • leggi all'articolo
Il derby si avvicina, la Corpora è pronta
Pubblicato il 28/03/2014 • leggi all'articolo
Via Selicara e Via Lorenzo Di Ronza: allo scempio non c'è fine
Pubblicato il 26/03/2014 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus